Welcome
cannabis tumore pancreas Caflanone

Cannabis e tumore Pancreas

Partiamo dal presupposto che, per quanto mi sia sempre informato, so che ci sono delle patologie che con la cannabis vengono curate e ci sono prove scientifiche di questo (glaucoma e sclerosi alcune di queste). Non ho mai creduto che la cannabis potesse curare tumori, figuriamoci il tumore al Pancreas che ha persino mandato a miglior vita il buon Steve Jobs, uno che, diciamocelo, due spicci per curarsi al meglio li aveva e probabilmente non sarebbe vissuto cosi a lungo se non li avesse avuti.

E’ di settimana scorsa la notizia che che la FDA, (Food and Drug Administration) ossia l’ente governativo americano che gestisce la regolamentazione di medicine ed alimenti (quelli che ti fanno mangiare i pesticidi per poi curarti con gli antitumorali per intenderci 🙂 , abbia definito farmaco orfano un flavonoide contenuto nella cannabis, il caflanone FBL-03G.

Parlavo di alcuni flavonoidi appena scoperti qualche in questo post . La figata della cannabis è anche questa, una pianta che esiste da migliaia di anni, ed ancora offre migliaia di sorprese a scienziati e ricercatori e medici.

I flavonoidi sono presenti in molte specie vegetali ed al momento se ne conoscono circa tra i 5000-6000 tipi.

Tornando al discorso, per chi non sapesse cos’è un farmaco orfano sono quei farmaci o anche solo principi attivi utili per curare malattie più o meno rare.

Il flavonoide caflanone è stato sintetizzato in laboratorio dall’azienda Flavocure ed è stato successivamente somministrato ad animali, topi, con cancro al pancreas vedendo una regressione del tumore su una discreta percentuale degli animali trattati.

La suddetta ricerca ha ricevuto approvazioni dall’università di Harvard e dal Pancreatic cancer network quindi proseguiranno nel corso dell’anno i test clinici.

Il caflanone FBL-03G è un flavonoide che sembra presente maggiormente in uno strain di cannabis autoctono della Jamaica.

Ed anche in questo caso mi piace immaginare a quante varietà di cannabis ci siano autoctone in giro per il mondo e quante di queste possano avere particolari ed uniche proprietà o nuovi tipi di terpeni o nuovi cannabinoidi come il THCP appena scoperto.

Flavocure sintetizzò precedentemente un altro flavonoide sempre estratto dalla stessa genetica di pianta trovata in Jamaica, il Clerosol.

Il titolare della Flavocure, Mr. Swanson, ha dichiarato che l’utilizzo soprattutto dei due flavonoidi associati è stata una combinazione vincente sugli animali affetti da cancro al pancreas e si presume che i test clinici inizieranno nella primavera del 2020.

Speriamo quindi nei prossimi anni, magari mesi, di sentir parlare più spesso di cannabis e tumore al pancreas sperando che anche i test su umani diano buoni risultati al pari se non meglio di quelli avuti sugli animali.

Note e fonti:

Share

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *