Welcome
buy cannabis seeds with bitcoin

COMPRARE SEMI CON BITCOIN

Pagare i semi cannabis con bitcoin o cryptovalute conviene?

Comprare semi con bitcoin non è più una super novità.

Sono sempre di più gli shop di seedbank che offrono al loro check out la possibilità di pagare l’ordine di semi in Bitcoin o in altcoin (alternative coin) come Ethereum e Litecoin o affini.

Sicuramente Seedsman è stato uno dei primi ma successivamente anche altri come Royal Queen Seed, Zamnesia, Dinafem hanno introdotto l’opzione di pagamento in cryptovalute.

Comprare semi con bitcoin a chi conviene? Secondo me ad entrambe le parti, nel senso che il commerciante ha commissioni molto più basse da pagare rispetto a carte di credito e paypal avendo la stessa velocità di ricezione e l’acquirente spesso beneficia di ulteriori sconti ( esempio Seedsman 15% aggiuntivo se paghi in Btc).

L’acquirente ha spesso “erroneamente” l’idea che pagare in bitcoin lo renda più anonimo, scrivo “erroneamente” perchè a meno di utilizzare crypto valute con algoritmi basati maggiormente sull’anonimato come Zcash, Monero, Dash, per il resto dei token o coin , ma soprattutto basandoci su Bitcoin, tutte le transazioni che avvengo sulla blockchain sono pubbliche, ossia è possibile vedere che da un tale indirizzo di un certo wallet ( paragoniamolo grossolanamente ad un iban) un importo X sia stato mandato ad un altro indirizzo di un altro wallet Y, rimanendo però, giustamente, celati i dati anagrafici dei proprietari di questi indirizzi.

Bitcoin non è solo il denaro del dark web o del riciclaggio!

Lo scrivevo qui, comprai i miei primi bitcoin nel 2015, di sicuro non sono stato nè un early adopter, nè uno di quelli che si è buttato dentro il mercato a fine 2017 quando bitcoin stava ad oltre 19K$.

Mi fanno spesso incazzare le persone che, non informandosi, appena parli di Bitcoin esordiscono con: “la moneta virtule per comprare droga ed armi”.

Allora… spendo poche righe perchè ci sarebbe da aprire una super parentesi ma non volendo andare troppo off topic diciamo che la chiudo così: da quando è nato Bitcoin il volume di tutte le transazioni avvenute su darkweb è pari al 1% del transato globale! Cioè di cosa stiamo parlando?

Inoltre Bitcoin non è anonimo, se avesse avuto tutto quell’anonimato che molti gli additano avrebbero avuto più problemi a risalire alle varie persone coinvolte nel caso Silkroad.

Io appena ho qualcosina lo investo ancora oggi in bitcoin, continuo a pensare che btc sia un qualcosa da avere e non spendere, per cui, anche nonostante la sua volatilità che lo rende ancora non proprio adatto alle transazioni commerciali ma più adatto ad essere considerato uno store of value come oro, appena ho due sghei che avanzano li investo.

Poi bitcoin è la punta dell’iceberg, il sottostante che darà a breve uno scossone al mondo finanziario e delle certificazioni si chiama blockchain!

Facile come contare 1,2,3.

Comprare semi con bitcoin è facile e veloce.

Quando troviamo uno shop che accetta pagamenti in bitcoin potremmo essere fermati perchè pensiamo che comprare bitcoin e detenerli per poi pagare il nostro ordine sia difficile.

Un tempo forse si, ma oggi tra smartphone e realtà come coinbase ed affini non più. Di certo qualche skill aiuta ma non bisogna essere dei guru dell’informatica o della finanza, è possibile acquistare i bitcoin facilmente con carta di credito.

Quindi per descrivere gli step:

  1. Avere un conto ed un wallet su una piattaforma accreditata.
  2. Acquistare i bitcoin con carta di credito o tramite il proprio conto bancario.
  3. Una volta in possesso dei Btc inviarli tramite il nostro wallet al wallet dell’esercente, questo il passaggio più semplice.

Leggevo stamane un articolo di un’analista finanziario che descriveva come tra qualche anno le carte di credito plastica o metallo non esisteranno più proprio perchè non avranno più senso. Pensate solo a chi oggi paga già avendo APPLE PAY o SAMSUNG PAY passando il cellulare su un pos contact less, pagare in bitcoin una volta che si ha aperto un wallet è altrettanto semplice e veloce.

Con chi apro il mio wallet?

Allora io un tempo vi avrei detto Coinbase sia per facilità di utilizzo che per minor costo di commissioni (link sponsor 10$ a testa se decidete di iscrivervi) ma il problema di coinbase è che al momento ha bloccato le carte su circuito NEXI (ex cartasi) quindi l’unico modo per poter acquistare velocemente bitcoin, una volta passato il KYC, è associare una postepay o altra ricaricabile o farsi un bonifico dal proprio conto al conto di coinbase e successivamente procedere all’acquisto di bitcoin.

Cos’è il KYC? L’ acronimo sta per Know Your Customer ossia conosci il tuo cliente. Ogni azienda presso la quale vi registrerete, proprio perchè seria, vorrà avere una copia del vostro documento ID (passaporto, carta identità o patente) ed una bolletta come prova del domicilio.

Quindi sappiate che se avete necessità di acquistare qualcosa da pagare in bitcoin potrebbe volerci un giorno in più per essere verificati, anche se oggi molte aziende eseguno la verifica del KYC in poche ore ed alcune real time.

Oltre a Coinbase negli ultimi anni sono nati un pacco di servizi intono alle crypto, ve ne segnalo alcuni e poi vi dico chi ho scelto per me.

La maggior parte di queste app le trovate sui relativi store apple e playstore.

Eidoo, Abra, Wirex, Revolut, Conio etc . Alcuni di questi fornisco anche una carta ricaricabile che vi spediscono a casa su cui sarà possibile anche spendere le nostre cryptovalute facendo eventualmente la spesa.

Io tra quelle sopra elencate vi direi di procedere con le altre non perchè sia la più semplice, ma a parità di semplicità è quella che addebita meno commissioni quando acquistiamo con carta di credito.

MI RACCOMANDO:

Ogni volta che aprirete un nuovo wallet vi verrà chiesto di creare un SEED o verrà creato in automatico il SEED, di solito composto da 12 / 24 parole. Queste parole, scrivetele, possibilmente non sbagliando a copiarle, e nascondetele in un posto sicuro. Non fotografatele, non mettetele su cloud e nemmeno su un pc/mac. Custoditele al sicuro perchè se un giorno doveste mai perdere l’accesso al wallet, cambiare telefono e ripristinare il wallet su un nuovo device, o se foste costretti ad aggiornare il wallet (succede molto di più con i wallet fisici come Ledger o Trezor) ripristinando il device, allora l’unico modo per riottenere i vostri soldi è avere queste 6/12 magiche paroline.

Il concetto delle crypto e di avere un wallet è principalmente essere la “banca” di se stessi con tutti i vantaggi ma anche con le responsabilità che ne conseguono. Quindi ricordate: perdete il SEED e perderete tutti i vostri risparmi in caso di ripristino del wallet.

Conio wallet

Innanzitutto Conio è un’azienda italiana con sede a Milano.

Questa non è una “marchetta” non ci guadagno nulla, ne parlo proprio perchè qualche giorno fa che avevo bisogno di pagare un servizio al volo in btc e l’ho trovato comodo e, come dicevo poco fa, meno costoso di altri in termini di commissioni.

Una volta installata l’app. e fatto il KYC potrete acquistare velocemente con carta di credito. Inoltre in basso a destra e sempre presente un icona per poter chattare in tempo reale con la loro assistenza.

Qui sotto trovate qualche schermata di come procedere all’acquisto, vi basterà cliccare sulla voce di menè “mercato”:

comprare semi cannabis con bitcoin
conio bitcoin wallet compra bitcoin
Clicchi compra
comprare semi cannabis con conio bitcoin wallet compra bitcoin
Inserire l’importo in euro
comprare semi cannabis con conio bitcoin wallet
Vi viene detratto in automatico la fee.

Valutate che per 300 euro coinbase (che non accetta più carte in circuito Nexi ma che accetta postepay) vi da qualcosina in più mentre Eidoo ed Abra hanno costi decisamente più alti.

Se invece volete inviare o ricevere bitcoin basterà cliccare la voce “portafoglio” e potrete inviare (inquadrando un QR code) o ricevere visualizzando il vostro indirizzo wallet.

comprare semi cannabis
conio bitcoin wallet ricevere bitcoin
Cliccando su ricevi sarà possibile dare il proprio indirizzo wallet a qualcuno che ci vuole inviare bitcoin oppure fargli inquadrare il nostro QR code (molto più sicuro perchè elimina la possibilità di fare errori)
conio wallet inviare bitcoin
comprare semi cannabis
Qui sarà possibile inquadrare il QR code proposto in checkout dal nostro merchant oppure se conosciamo l’indirizzo wallet di un nostro amico cliccheremo su <scrivi indirizzo>

Il consiglio, sia per invio e ricezione è cercare di utilizzare sempre il QR code, vi mette al salvo da possibili errori. Se proprio dovete compilare manualmente l’indirizzo fate copia ed incolla aiutandovi al massimo con una “sponda” tipo whatsapp web su mac o pc.

Qui sotto vi metto l’immagine di quello che ci verrà chiesto ad esempio su seedsman qualora vogliate comprare semi con bitcoin. Questo è quello che vi apparirà nella schermata di check out:

pagina checkout seedsman per pagamento in bitcoin
comprare semi cannabis
Dovrete cliccare INVIO sul vostro wallet ed inquadrare il QR code mostrato da seedsman.
Il QR code resterà a monitor per circa 20 minuti, in caso di non invio l’ordine verrà automaticamente annullato.

Nel caso particolare della piattaforma Seedsman, pagando con bitcoin oltre ad un 15% ulteriore di sconto, cumulabile con altri sconti, vi verranno anche dati 4 semi aggiuntivi omaggio.

Alcuni siti come Seedsman del resto potrebbe anche proporvi il pagamento in bitcoin utilizzando LN, Lightning Network. Lightning Network è stato ad oggi uno dei più grandi update effettuato su bitcoin e permette di muovere piccoli importi ad una velocità più elevata con un minor costo di commissioni oltre che a gestire un numero maggiore di transazioni.

Keep in touch & peace!

Share

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *